Avviata la mostra “Mosaico&Mosaici 2012″

E’ stata inaugurata con successo la mostra “MOSAICO & MOSAICI 2012” - selezione delle opere degli allievi della Scuola Mosaicisti del Friuli realizzate nel corso dell’anno scolastico 2011/2012. L’esposizione rimane aperta tutti i giorni, dal 28 luglio al 26 agosto 2012, dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.00. “Mosaico&Mosaici” quest’anno viene affiancata contemporaneamente dalla mostra “La Scuola Mosaicisti del Friuli, 1922 – 2012. 90 anni di storia” sita in Corte Europa a Spilimbergo, un tempo Caserma Bevilacqua, prima sede della Scuola Mosaicisti del Friuli nel lontano 1922.

All’inaugurazione di venerdì 27 luglio diverse le autorità intervenute a sostenere l’avvio delle due mostre e a sottolineare l’eccellenza della Scuola Mosaicisti del Friuli, fiore all’occhiello di tutta la regione: ospitati dal Presidente della Scuola Mosaicisti Alido Gerussi e dal Direttore Gian Piero Brovedani, sono intervenuti il sindaco di Spilimbergo Renzo Francesconi, l’assessore provinciale Stefano Zannier, il Presidente della BCC Lino Mian e l’assessore regionale alla cultura Elio De Anna. Inoltre erano presenti i consiglieri regionali Franco Dal Mas, Antonio Pedicini, Paolo Menis.

       

Presente un folto pubblico, ammirato dall’accoglienza di una Scuola rimessa a nuovo grazie ai recenti lavori di ristrutturazione, ma soprattutto affascinato e colpito dalle opere musive realizzate dagli allievi: commovente il mosaico ri-trovato – “Agnus Dei” – ideato nel 1929, intramontabili i soggetti delle origini (d’ispirazione aquileiese, tunisina, turca), le auree illuminazioni bizantine, gli intensi ritratti, le sperimentazioni contemporanee materiche e optical, ispirate rispettivamente da Sam Francis, Lucio Fontana e Vasarely, interessante e suggestiva l’inedita creazione musiva che identifica il logo della Scuola all’ingresso principale.

Oltre alle mostre che richiamano molto turisti, sono aperti per tutta l’estate i corsi brevi d’introduzione al mosaico, pensati per coloro che vogliono cimentarsi nell’arte musiva dal punto di vista tecnico-esecutivo e artistico. Tante le adesioni provenienti anche dall’estero, un segno di riconoscimento della Scuola Mosaicisti del Friuli come centro internazionale del mosaico contemporaneo.