La Società Dante Alighieri incontra il “linguaggio del mosaico”

La Scuola Mosaicisti del Friuli ha avuto il piacere di ospitare alcuni membri della Società “Dante Alighieri” accompagnati dal Segretario Generale Alessandro Masi, giunto da Roma. Presenti i responsabili dei Comitati di Pordenone, Trieste, Gorizia, Belluno, Bolzano, incontratisi a Spilimbergo, presso la Scuola Mosaicisti del Friuli.

Accolti da Gian Piero Brovedani, Direttore della Scuola Mosaicisti del Friuli, i membri della Società Dante Alighieri sono stati accompagnati in visita nelle aule e nei laboratori della Scuola, prima di intervenire all’interno di un incontro organizzato con gli allievi.

Durante la presentazione, presso l’Aula Magna della Scuola Mosaicisti del Friuli, Masi ha sottolineato lo scopo della “Società Dante Alighieri di diffondere la lingua e la cultura italiana nel mondo” e proprio “ragionando sulla lingua, è venuto naturale pensare anche al linguaggio delle opere d’arte e in particolare – in Friuli Venezia Giulia – al linguaggio delle opere musive, linguaggio certificato dalla Scuola Mosaicisti di Spilimbergo”, capace di creare stupore e apprezzamento nel mondo. Un linguaggio nei confronti del quale la stessa Società Dante Alighieri può suscitare interesse e sensibilizzazione anche fuori dai confini nazionali, attraverso l’attività all’estero dei suoi circa 500 Comitati, impegnati a sostenere la lingua e la cultura italiane, anche attraverso corsi, conferenze, dibattiti, mostre, concerti, … .

Ai Comitati della Società Dante Alighieri presenti all’incontro è stata riservata una piacevole sorpresa da Nemo Gonano, Presidente della Dante Alighieri – Comitato di Pordenone: un omaggio in mosaico -realizzato dalla Scuola Mosaicisti -raffigurante il profilo del Sommo Poeta.