Mosaici di Cercivento

A Cercivento, Domenica 11 novembre 2012, è stata inaugurata alle ore 16.30 la prima serie di opere musive – con scene dell’Antico Testamento – volute dalla Parrocchia di San Martino e realizzate dalla Scuola Mosaicisti del Friuli su ideazione dell’iconografo Paolo Orlando.

Quattro sono al momento i mosaici collocati in paese, a cielo aperto, per essere sottoposti alla visibilità di tutti: “La Creazione”, “Il Sacrificio di Isacco”, “L’Esodo”, “La consegna delle Tavole della Legge al Sinai”. Le opere musive della Scuola Mosaicisti del Friuli sono state realizzate con la collaborazione delle mosaiciste Mary Cerullo, Amélie Guyonnet,Adriana LandiNowill, Marina Celeste Mariuzza, Michela Marcon.

“Questi mosaici hanno una notevole valenza sociale – dice nel suo intervento il Presidente della Scuola Alido Gerussi – in quanto esprimono un valore culturale e un messaggio importanti, ma rappresentano anche una risorsa che promuove il mosaico e il lavoro del mosaicista, la cui attività – portata avanti con impegno e passione – è sostenuta dalla Scuola Mosaicisti del Friuli attraverso l’affidamento di realizzazioni musive ai suoi ex allievi, come è stato fatto per il progetto di Cercivento”

I mosaici s’ispirano alla tradizione musiva bizantina e rappresentano scene popolate da figure armoniose e nobili nella loro compostezza, ambientate su fondi oro che simboleggiano la luce divina, lo spirito, l’infinito.

Il progetto “Cercivento: una Bibbia a cielo aperto” avrà un seguito con la realizzazione di un altro mosaico dedicato all’Antico Testamento e di una nuova serie di cinque pannelli musivi ispirati al Nuovo Testamento.

La cerimonia di scoprimento dei mosaici è stata introdotta da una Solenne concelebrazione dell’Eucarestia presieduta dall’arcivescovo mons. Andrea Bruno Mazzocato, e accompagnata dall’intervento esplicativo di don Alessio Geretti, delegato episcopale per la cultura e la catechesi.

Tra i patrocinatori dell’evento compare la Fondazione Crup, il cui Presidente Lionello D’Agostini ha voluto esprimere la vicinanza della Fondazione Crup a questa iniziativa cosi come alla Scuola Mosaicisti del Friuli, “prestigiosa realta’ che ha raggiunto un riconoscimento anche oltre confine accrescendo cosi’ il valore artistico del nostro territorio”

In foto di copertina, e qui di seguito, fasi di posa dei mosaici presso la Scuola Mosaicisti del Friuli.