Avviato l’anno formativo 2013-2014

Questa mattina è stato dato il via al nuovo anno scolastico della Scuola Mosaicisti del Friuli.

Tutti gli allievi, riuniti in Aula Magna insieme ai loro insegnanti, sono stati accolti dalle parole di benvenuto e di presentazione del Direttore, dott. Gian Piero Brovedani. Assente giustificato quest’anno il Presidente, Alido Gerussi, impegnato in Cina, a Pechino, per programmare un progetto espositivo che coinvolge la Scuola Mosaicisti del Friuli.

La Scuola Mosaicisti, fin dalle prime battute, inaugura l’anno formativo 2013-2014 con dati significativi e positivi: le iscrizioni al primo anno evidenziano infatti un incremento degli studenti del 40% – rispetto all’anno scorso – con preponderanza di iscritti residenti nella nostra Regione e buona presenza di allievi di altre regioni d’Italia. Rimane costante l’apporto di studenti stranieri sia europei che extraeuropei.

Il nuovo anno scolastico si prospetta ricco di esperienze sul piano formativo sia per i programmi didattici nutriti e stimolanti presentati dagli insegnanti, sia per i progetti e gli scambi culturali che aggiungeranno spunti e riflessioni.

Il filo conduttore dei programmi e delle lezioni è quello di infondere una nuova coscienza del mosaico non solo attraverso lo studio delle opere storiche, ma anche attraverso le sperimentazioni e le ricerche, gli approfondimenti sulle procedure compositive, cromatiche, strutturali che mettono a fuoco la natura del mosaico e le sue potenzialità nella contemporaneità.

In seno alla didattica va segnalato anche l’imminente arrivo a Scuola di 7 studenti dell’Accademia di Verona interessati ad approfondire la tecnica e l’arte del mosaico in uno stage di tre settimane.

A metà ottobre, invece, la Scuola Mosaicisti del Friuli e i suoi studenti parteciperanno al Festival del mosaico di Ravenna, accanto agli studenti dell’Accademia di Ravenna (che a maggio hanno frequentato lo stage sul mosaico contemporaneo a Spilimbergo) e accanto a mosaicisti, artisti di varie provenienze. Sarà un’esperienza a 360°, di confronto e di riflessione sul mosaico oggi. La Scuola Mosaicisti del Friuli rimane un riferimento da questo punto di vista, quale centro di studio e di ricerca di un’arte musiva che guarda in prospettiva al futuro… al futuro dei giovani aspiranti mosaicisti e al futuro del mosaico come arte vitale e autonoma.