Scuola&Università

La recente visita alla Scuola Mosaicisti del Friuli del Magnifico Rettore dell’Università di Udine, prof. Alberto Felice De Toni, consolida gli accordi da tempo stipulati tra l’Istituto spilimberghese e l’Ateneo udinese, lancia nuove idee e possibilità di collaborazione tra i due Enti. E’ già in programma per lunedì 1° dicembre la visita alla Scuola Mosaicisti del Friuli di un gruppo di studenti della Facoltà di Udine – Corsi di Studi in Architettura –accompagnati dal docente Mauro Bertagnin, professore del corso di Architettura Sostenibile.

E’ il primo appuntamento di un progetto sinergico volto a far crescere la cultura del mosaico, sia valorizzando la vocazione monumentale delle opere musive in complicità con l’architettura, sia sostenendo le espressioni del mosaico nel settore del design e dell’arredo, sia sperimentando altre possibili, inedite applicazioni.

In questo senso, la Scuola Mosaicisti del Friuli – quale centro riconosciuto a livello internazionale per la formazione e la ricerca musiva – è stata individuata come interlocutore ideale dall’Università di Udine per pensare il mosaico – oggi – , in dialogo propositivo, mettendo insieme la competenza di chi progetta e di chi crea con sapienza.

Negli anni la Scuola Mosaicisti del Friuli è stata protagonista nella realizzazione di importanti opere musive in collaborazione con noti architetti e designer. Tanto per citarne alcuni, si segnalano Raimondo D’Aronco (Fontana di Monza, 1923), Marcello Nizzoli (mosaici per la campagna pubblicitaria della Campari, anni Trenta), Luigi Moretti (Foro Italico a Roma, anni Trenta), Anton Giulio Ambrosini (mosaico per l’atrio della Stazione Ferroviaria di Venezia ideato da Mario De Luigi), Yuzo Nagata (Hotel Kawakiu in Giappone, anni Ottanta), Gregor Tritthart (Volksbank a Graz, 2010) …  .