Inaugurazione Anno Formativo 2017-2018

Introdotto dal Presidente Stefano Lovison e dal Direttore Gian Piero Brovedani, l’avvio dell’anno formativo 2017-2018 è stato inaugurato questa mattina alla presenza del Presidente del Consiglio Regionale Franco Iacop, del Sindaco di Spilimbergo Renzo Francesconi, del Consigliere regionale Armando Zecchinon, sottolineando l’attenzione e la vicinanza delle Istituzioni verso la Scuola Mosaicisti del Friuli.

Inaugura1_20170925_085637Inaugura2_20170925_084608

Lovison, che ha fatto gli onori di casa nel giorno di apertura del 96° anno formativo dell’Istituto, dopo aver ringraziato i graditi ospiti, ha voluto parlare della “grande responsabilità che tutti noi abbiamo nei confronti della Scuola Mosaicisti del Friuli, una Scuola dalla quale non ci sia aspetta l’ordinaria amministrazione, il compitino ben fatto, ma ci si aspetta alta formazione e grande professionalità sia nelle opere che si creano, sia nelle azioni e nelle decisioni che si prendono. Queste intrinseche qualità della Scuola si ottengono solo se c’è la responsabilità e il coinvolgimento di tutti nel reciproco rispetto”. “Siamo una squadra unica e dinamica – sottolinea il Presidente Lovison – capace, se unita, di raggiungere traguardi ambiziosi nel bene della nostra Scuola. Una Scuola che deve far crescere gli allievi come mosaicisti e come persone, aiutandoli a dare il massimo e a tirare fuori tutte le risorse personali per tenere viva un’arte che appassiona e che ha tantissime potenzialità”

“La Scuola Mosaicisti – sottolinea il Presidente del Consiglio Regionale Iacop – è una comunità di enti, comuni della nostra Regione, è un patrimonio straordinario del nostro territorio, ma contribuisce anche a dare una dimensione di internazionalità al Friuli Venezia Giulia, riunendo allievi di varia provenienza, che proprio nella Scuola trovano opportunità diverse ed esperienze sempre nuove, favorendo poi la diffusione del mosaico nel mondo. Pensiamo anche a esempi del nostro vicino passato: con i suoi lavori la Scuola ha accompagnato la Regione Friuli Venezia Giulia all’EXPO di Astana in Kazakhstan, ed è stata apprezzata come fiore all’occhiello della Regione, tanto che le opere musive in mostra sono state trattenute nella capitale kazaka, per dare visibilità ai nostri talenti”. “La Scuola Mosaicisti del Friuli – continua Iacop – insegna agli allievi un mestiere, una professione, offre le basi per dare voce all’espressione artistica, è una Scuola completa e per questo grazie alla Presidenza e Direzione”. Un ringraziamento al quale si unisce anche il Sindaco di Spilimbergo Renzo Francesconi che riconosce nella Scuola di oggi “i solidi principi formativi, tecnici e culturali che avevano i padri fondatori nel lontano 1922, mettendoci non soltanto passione, ma proprio voglia di fare, … di fare e proporre anche qualcosa di nuovo, per lasciare nel mondo nuovi tasselli di idee, progetti, realizzazioni”.

Ha concluso il momento inaugurale i Direttore della Scuola Mosaicisti del Friuli Gian Piero Brovedani, orgoglioso delle parole spese dagli ospiti e contento di presentare al completo tutto lo staff della Scuola Mosaicisti del Friuli: Francesco Anchora, Massimo Bettin, Luca De Amicis, Cristina De Leoni, Evelina Della Vedova, Stefano Jus, Adriana Landi Nowill, Serena Leonarduzzi, Elena Pauletto, Massimiliano Pavon, Danila Venuto, Laila Del Fabbro, Luca Savoldo, Marina Tonelli, Elisa Ronzat e Mauro Cozzi, tutti pronti a partire con entusiasmo per una nuova “avventura”. A tutti un augurio di buon anno formativo 2017/2018.