Madonna della Tenerezza nella Chiesa di San Marco a Gaio

Domenica 22 ottobre 2017, nella Parrocchia di Gaio Baseglia, è stata celebrata una cerimonia solenne per accogliere un mosaico realizzato dalla Scuola Mosaicisti del Friuli: concesso in comodato, il mosaico – raffigurante la Madonna della Tenerezza – è stato collocato nella Chiesa di San Marco di Gaio. Qui l’opera è stata benedetta da Don Giovanni Stivella, che ha sentitamente ringraziato il Presidente della Scuola Mosaicisti del Friuli Stefano Lovison insieme al direttore Gian Piero Brovedani, per aver reso possibile la visibilità del mosaico nell’intimo contesto della Chiesa di San Marco

Il Presidente Lovison ha presentato l’opera, prima della celebrazione della Santa Messa da parte di don Giovanni: si tratta di un lavoro di grandi dimensioni (225×130 cm) realizzato dagli allievi del secondo corso (1997), interpretando a mosaico il soggetto di una pagina miniata del 1230, conservata presso la Biblioteca National di Madrid. Protagonista è la Madonna della Tenerezza (Eleousa), raffigurante l’ affettuoso scambio tra Maria Madre di Dio e suo Figlio. La tradizione vuole che nel momento dell’abbraccio il Dio-Bambino riveli alla Madre il mistero della morte e della resurrezione; per questo oltre all’amore affiora anche la tristezza, pur nella serena accettazione della volontà divina. Attraverso le sapienti mani dei mosaicisti, l’opera è interpretata con smalti veneziani e ori, che accentuano la forza e l’intensità della rappresentazione, oltre a sottolineare il linearismo bizantino e il simbolismo della luce divina attraverso materiali aurei.

Erano presenti alla cerimonia il Presidente Stefano Lovison e il Direttore Gian Piero Brovedani. Hanno partecipato all’evento anche il sindaco di Spilimbergo Renzo Francesconi e il consigliere regionale Armando Zecchinon. Tutti d’accordo sull’importanza dell’integrazione tra arte, cultura, mosaico, comunità a salvaguardia e valorizzazione del territorio, delle sue risorse, della sua bellezza.